Incontri

Displacement-c-Tanz-im-August-Laura-Giesdorf-2016-1280x913.jpg
15 Maggio 2018

Un progetto nato con l’obiettivo di facilitare la mobilità, il dialogo interculturale e lo scambio di pratiche performative tra gli artisti provenienti dai paesi della sponda sud del Mediterraneo e dal Medio Oriente e le realtà del territorio italiano, realizzando momenti di incontro, sessioni di lavoro e serate di spettacolo: questo sono il FOCUS YOUNG ARAB CHOREOGRAPHERS 2017 e FOCUS YOUNG MEDITERRANEAN AND MIDDLE EAST CHOREOGRAPHERS 2018.

8 Luglio 2009

II progetto, strutturato in un ciclo di tre incontri, vuole condurre gli studenti in un percorso intorno alla danza come linguaggio artistico, guidato da Massimo Carosi, direttore artistico del Festival Internazionale Danza Urbana di Bologna, con l'ausilio di documentazioni video e di opere di videodanza.

immagine365.jpg
29 Giugno 2007

La rassegna CORPI ALTRI ha portato in scena a Tokyo alcune creazioni coreografiche italiane, ospitate all’interno della “Primavera italiana 2007”- rassegna internazionale promossa e organizzata dall’Ambasciata d’Italia a Tokyo in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri, l’ICE, l’ENIT, la Conferenza delle Regioni, la Confindustria, la Fondazione Italia Giappone da parte italiana e l’Istituto Italiano di Cultura, la Banca d’Italia, la Camera di Commercio Italiana e l’Alitalia in Giappone – con l’intento di mobilitare e ravvivare l’attenzione del pubblico giapponese verso il nostro Paese, attraverso l’articolata proposta della cultura, arte, tradizione, creatività, innovazione tecnologica e conoscenze scientifiche.

Kikamuradim365.jpg
30 Settembre 2006

Katachi wo koete – OLTRE LA FORMA è la prima parte di un progetto triennale intitolato L’estetica del corpo nella danza contemporanea tra Italia e Giappone, articolato in momenti di riflessione e di spettacolo in entrambi i paesi. Il progetto ha avuto il sostegno di The Japan Foundation ed Eu Japan Fest e il patrocinio della CCIGI – Camera di Commercio delle industrie giapponesi in Italia.

UF_Zuppiroli_052dim365.jpg
29 Gennaio 2004

Appuntamento con l’immaginario contemporaneo all’interno del cartellone invernale di Viva Bologna nelle giornate di sabato 24 e domenica 25 gennaio 2004, grazie ad URBAN FRAME, inedito contenitore di eventi performativi ideato dall’Associazione Culturale Danza Urbana, che ha organizzato cinque “percorsi di sconfinamento” tra codici artistici in alcuni luoghi significativi del centro storico di Bologna, ospitando artisti e gruppi di fama internazionale. Romeo Castellucci, Michele Di Stefano, Yann Marussich e Virgilio Sieni hanno proposto a Bologna performance ed installazioni che valicano le forme e reinventano codici espressivi, privilegiando una contaminazione erosiva del consueto e del noto.